Manarola Cinque Terre cosa vedere come arrivare dove dormire

Manarola, Cinque Terre: cosa vedere, come arrivare e dove dormire

Luca e Bea, autori di ViaggiareVerde.it

Sospesa in posizione panoramica sulla rocciosa costa ligure, Manarola, insieme a Monterosso, Vernazza, Corniglia e Riomaggiore costituisce il Parco Nazionale delle Cinque Terre.

Caratterizzato da un’atmosfera pittoresca e ricca di tradizione, il borgo di Manarola è il più antico di tutti; le tipiche case-torre color pastello, le vie strette, e i vicoli (chiamati carugi) da cui spunta il mare, creano scenari unici che attraggono migliaia di turisti ogni anno.

Cosa vedere a Manarola

Manarola è uno dei borghi marittimi più conosciuti d’Italia ed apprezzato in tutto il mondo e vogliamo quindi guidarti alla scoperta di tutte le cose da vedere assolutamente a Manarola.

Via Belvedere

Se stai cercando il punto migliore per godere a piedi della vista sul promontorio ligure, Via Belvedere è sicuramente la zona migliore; per raggiungere questo punto panoramico puoi orientarti tenendo come punto di riferimento la piazza Eugenio Montale, denominata anche come “balcone naturale a picco sul Mediterraneo”.

Chiesa di San Lorenzo

Chiesa di San Lorenzo Manarola
CC BY-SA 2.0 Groume

Costruita nel quattordicesimo secolo la Chiesa di San Lorenzo è realizzata in stile gotico e presenta sulla facciata un portale ad arco gotico e un rosone in marmo di Carrara. Venne costruita dalla popolazione di Manarola e Volastra, località situata nel comune di Riomaggiore, come si evince dalla scritta presente sulla lapide a destra della facciata.

Mulino di “Baran”

Nei pressi della Chiesa di Manarola si trova il Mulino di “Baran”, un luogo sconosciuto alla maggior parte dei turisti; testimonianza del diciassettesimo secolo è uno dei mulini più antichi del territorio e dà ai viaggiatori la possibilità di ammirare le vecchie attrezzature utilizzate, come le macine in pietra, il torchio, il paiolo in rame e tanto altro.

Secondo alcuni studi è proprio da qui che Manarola prende il suo nome: in diaòletto “Manaraea” che riconduce a “magna roea”, ovvero la grande ruota del mulino.

È importante per tutti i viaggiatori in visita alle Cinque Terre cercare di scoprire l’essenza di questa zona d’Italia, compredo usi e costumi che hanno caratterizzato gli anni passati.

Marina

Manarola marina

Scendendo verso il mare raggiungerai la parte più visitata e apprezzata di Manarola; le sue case colorate che sembrano spuntare direttamente dalla roccia e risultano sospese sul mare, creano uno degli scenari più belli e fotografati di tutte le Cinque Terre. I colori caldi al tramonto e le acque cristalline ti accoglieranno nei mesi più caldi per un bel bagno e i diversi ristorantini ti permetteranno di assaggiare la tipica cucina ligure.

Resti del Castello di Manarola

Al giorno d’oggi il Castello di Manarola è quasi interamente scomparso, se non fosse per i resti di un bastione che, secondo alcuni studi, si pensa sia stato aggiunto intorno al 1200. Originariamente il castello rappresentava un punto strategico che serviva per difendersi dai pirati.

Presepe di Manarola

Presepe di Manarola

Uno degli eventi attesi è sicuramente l’accensione del Presepe di Manarola. Le origini sono datate 1961, quando per la prima volta venne allestito sulla collina un presepe luminoso; da quel giorno, col passare degli anni, è cresciuto fino a diventare uno dei presepi più grandi di tutto il mondo.

A chi si deve però la creazione di questa installazione tanto suggestiva? Classe 1927, Mario Andreoli, un ferroviere in pensione che con materiali di recupero ha realizzato la scenografia e i vari personaggi.

Oggi l’impianto è alimentato da pannelli fotovoltaici ma in passato il Sig. Mario utilizzò circa quindici mila lampadine per creare le varie luminarie.ù

Vedi anche:

Vernazza, Cinque Terre: cosa vedere, come arrivare e dove dormire

Le spiagge più belle di Manarola

La costa delle Cinque Terre è quasi completamente rocciosa e le poche spiagge presenti in cui è possibile  fare il bagno sono prese d’assalto da migliaia di turisti.  A Manarola la spiaggia si trova in prossimità del porticciolo, vicino alla Marina, ed è una vera e proprio piscina naturale. In alternativa, per sfuggire alla folla, situata a circa 3 chilometri di distanza si trova la spiaggia di Corniglia, che solitamente è meno affollata.

Come arrivare a Manarola

Come arrivare a Manarola

Arrivare a Manarola in auto

È possibile raggiungere il borgo di Manarola in auto, uscendo a La Spezia,  soluzione che però ci sentiamo di sconsigliare visto la “situazione” parcheggi, difficilissimi da trovare nelle stagioni primavera e estate, anche perché il parcheggio è uno solo.

Arrivare a Manarola in treno

Un opzione decisamente migliore, non solo per arrivare a Manarola, ma più in generale per spostarsi tra le Cinque Terre è quella di utilizzare il treno. Questo è il modo più veloce e meno stressante per raggiungere Manarola, e puoi contare su treni che viaggiano ogni 30 minuti da Levante a Ponente, al prezzo di un biglietto dell’autobus.

Quindi anche se stai pianificando di visitare tutti i borghi delle Cinque Terre, Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso al Mare, il treno è il tuo migliore alleato.

Arrivare a Manarola in battello

Se vuoi gustarti la bellezza di Manarola dal mare, puoi salire sui battelli che partono da Levanto, si spostano tra le Cinque Terre (con l’esclusione di Corniglia) e arrivano fino a Portovenere e La Spazia.

I biglietti per il battello si acquistano direttamente ai porti dove attraccano i battelli, pochi minuti prima di salpare. Questo perché si viaggia solo se il mare è abbastanza calmo e non ci sono onde troppo impegnative.

Dove dormire a Manarola

Se stai cercando dove dormire a Manarola, hai diverse opzioni a disposizione. I prezzi degli hotel sono un po’ più alti rispetto al resto delle Cinque Terre, ma puoi trovare sia hotel di lusso che economici affittacamere. L’unica cosa che devi tenere presente è che i posti disponibili sono pochi, quindi è bene prenotare con largo anticipo.

  • Se cerchi una soluzione economica, e puoi fare a meno della vista mare dalla camere, un affittacamere molto apprezzato a Manarola è il Ca de Gianchi – Verdeblù. Qui senza spendere troppo, puoi prenotare un’ottima camera, piccola ma curata a soli 5 minuti a piedi da mare.
  • Una soluzione intermedia per dormire a Manarola è l’affittacamere Ines Apartment, con stanze moderne affacciate sul borgo e con vista mare. La posizione è davvero un punto di forza.
  • Per un soggiorno più lussuoso, puoi orientarti sul Il Sogno di Manarola by The First, che offre camere eleganti arredante con gusto. Ci sono soluzioni per differenti budget, ma se il tuo te lo permette, non c’è niente di meglio della Suite Royal Luna di Miele, con vasca idromassaggio e terrazza panoramica.

Dove dormire

Ines Apartment

Affittacamere a pochi passi dal mare e con vista sul borgo.

Booking Altri hotel e alloggi in questa zona

Con questi consigli dovresti essere pronto per scoprire tutte le bellezze da vedere a Manarola. Se hai bisogno di ulteriori consigli, o vuoi condividere i tuoi suggerimenti con gli altri viaggiatori, lascia un commento in fondo all’articolo.

Potrebbero interessarti:

Iscriviti alla newsletter

Sconti per viaggiare, novità e consigli di viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *