Carmel by the Sea Cosa Vedere

Carmel by the Sea: cosa vedere nel villaggio delle favole della California

Luca e Bea, autori di ViaggiareVerde.it

La “deliziosa” cittadina di Carmel by the Seapiù comunemente conosciuta con il nome di Carmel, è un luogo incantevole che sembra uscire direttamente da una delle tante fiabe che hanno reso magica la nostra infanzia. Appartenente alla contea di Monterey, a circa un’ora dalla Silicon valley, questo paesino abitato da circa 4000 abitanti si è guadagnato il titolo di terza città più romantica del mondo (preceduta da Venezia e Parigi); il suo fascino è dovuto infatti alle caratteristiche abitazioni costruite ispirandosi al mondo delle favole.

Le Origini del Villaggio delle Favole

Hansel e Gretel Carmel by the Sea

Tutto ebbe inizio nel 1924, quando “l’architetto improvvisato” Hugh Comstock, in visita alla sorella conobbe la produttrice di bambole Mayotta Browne; fu amore a prima vista tant’è che si sposarono prima della fine dell’anno. Mayotta chiese a suo marito di inventarsi un luogo interessante dove esporre le sue bambole; sebbene non avesse mai avuto significative esperienze nella costruzione di edifici, Hugh si impegnò fin da subito a realizzare una casetta speciale. Essendosi ispirato all’illustratore inglese Arthur Rackham (autore delle illustrazioni di Hansel & Gretel, Peter Pan, Alice nel Paese delle Meraviglie e molte altre fiabe), decise di chiamare questa sua “opera d’arte” con il nome di Hansel. La sua costruzione non passò inosservata, ma anzi segnò l’inizio della sua carriera di architetto “fiabesco”; numerosi artisti e intellettuali si misero in fila per farsi realizzare un propria abitazione da favola, che nonostante la semplicità dei materiali con cui vennero realizzate valgono oggi in media 4 milioni di dollari.

Ma non sono solo le case a rendere unico questo paesino… il Municipal Code della città prevede norme piuttosto bizzarre, ma efficaci, volte a tutelare l’integrità e l’unicità di questo luogo. Il regolamento impone infatti il divieto di indossare tacchi a spillo di altezza superiore ai 5 centimetri, per evitare reclami da parte delle donne della città che spesso inciampavano nella pavimentazione resa irregolare dalle radici degli alberi. Un’altra regola interessante riguarda la costruzione di nuovi edifici; nel caso in cui si decida di costruire in prossimità di una pianta è bene ricordare che in nessun modo la si può danneggiare o rimuovere in quanto il verde è parte integrante e inamovibile della realtà cittadina.

Cosa vedere a Carmel by the Sea

Se vi state chiedendo allora cosa vedere a Carmel by the Sea, iniziamo dicendo che la cittadina di Carmel è molto piccola ed ha una superficie di quasi 3 chilometri quadrati. Una passeggiata tra i cortili e i viottoli ben curati permetterà ai turisti di ammirare eleganti negozi, prestigiose boutique, ristoranti tipici e quasi 50 gioiellerie che sottolineano l’esclusività del luogo dove solo un ottimo reddito permette agli abitanti di vivervi.

Il villaggio degli attori

Jennifer Aniston, Brad Pitt e molti altri artisti e attori hanno scelto proprio Carmel come residenza; Clint Eastwood è diventato persino sindaco della città dal 1986 al 1988. Ma Carmel non è solo ricchezza ed eleganza; questa piccola città possiede un sorprendente numero di gallerie d’arte, circa un centinaio. Non a caso Carmel possiede la maggior densità di artisti per chilometro quadrato, avendo sempre garantito loro vantaggi e facilitazioni di ogni tipo.

Una cittadina dog-friendly

Carmel by the Sea è una cittadina veramente dog-friendlyI vostri amici a quattro zampe saranno accettati nella maggior parte degli hotel e  nei ristoranti, dove sono previsti appositi menù dedicati ai cani. In tutta la città sono sparse ciotole con acqua fresca e talvolta qualche biscotto. Nella spiaggia di Carmel è permesso lasciare liberi i propri cani e la Polizia è autorizzata ad aprire a forza le auto in cui vengono lasciati cani in condizioni non sicure.

Potrebbero interessarti:

Iscriviti alla newsletter

Sconti per viaggiare, novità e consigli di viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *